Pasta termica: La Guida Definitiva Per Sceglierla + Migliori 3

Oggi ti parlerò di pasta termica, uno degli elementi del PC più ignorati in assoluto

Quando si assembla un pc è bene sapere una cosa: le componenti non sono tutto. Già, perché è inutile comprarsi il dissipatore figo e la keyboard ultra ergonomica se poi non si dispone di tools di montaggio adeguati.

Ti faccio un esempio, la pasta termica. Sai cos’è? Se la risposta fosse sì, congratualtions! Se, invece, non lo sapessi don’t worry; te lo spiego io!

La pasta termica è un particolare materiale di colore bianco utilizzato per favorire la trasmissione di calore dalla CPU al dissipatore.

Come sai la CPU può raggiungere temperature molto elevate, e per eliminare lo strato d’aria tra CPU e dissipatore si usa la Pasta termica.

Tipologie di pasta termica

migliore pasta termica

Chiaramente, dovrai scegliere una pasta termica adeguata. In commercio, ne troverai diversi tipi: a base metallica, a base ceramica, a base carbonica, con metallo liquido, thermal pad, a bicomponente.  La differenza è subito detta.

La pasta termica a base metallica hanno delle particelle metalliche in una sostanza siliconica. Il vantaggio è l’alta conducibilità termica, ergo prestazioni alte.

La pasta a base ceramica invece hanno delle particelle di ceramica la cui funzione isolante garantisce delle buone prestazioni.

Se il prodotto fosse a base carbonica, allora presenterebbe della polvere di diamante o delle fibre di carbonio. Queste sono altamente costose, ma altresì molto funzionali.

Il thermal pad è uno strato di materiale termoconduttivo da applicare direttamente sul dissipatore.

E’ molto funzionale, soprattutto per chi non ha voglia di sbattersi a prestare troppa attenzione all’applicazione della pasta.

Infine abbiamo la pasta termica a bicomponente. Queste sono formate da due componenti che, una volta unite, generano una sostanza molto collosa. Ti consiglio di stare attento ad utilizzarle.


Come scegliere e applicare una pasta termica

Ora, ti faccio una domanda: sai come scegliere una pasta termica?

Okay, sai che tipologie potrai trovare in commercio, ma su che criteri baseresti la tua scelta? Ti do qualche dritta al volo.

Un fattore importante da considerare è la conducibilità termica. Più il valore è alto, maggiore sarà la conduzione di calore della pasta. Risultato: temperatura del processore bassa in maniera continua.

Altri parametri da considerare sono viscosità, che dev’essere bassa, e la tensione superficiale, da mantenersi più bassa possibile.

E dell’applicazione ne parliamo? E’ una questione delicata.

Ti consiglio di operare a computer spento e di scollegare tutti i cavi collegati alla CPU. Una volta pronto, inizia a scollegare i blocchi del dissipatore. A questo punto, pulisci con un panno la CPU e il dissipatore dai residui secchi di pasta termica. Ecco, ora sei pronto.

Prendi la tua pasta termica e applicane circa un millimetro di spessore sopra al processore.

Esistono due scuole di pensiero: la tecnica del chicco di riso e quella della spatola, e no, non ti sto parlando di strane tecniche cinesi

  • Chicco di riso: grazie all’apposita siringa, metti al centro della CPU una goccia di pasta termica (grande quanto un chicco di riso). Montando il dissipatore si distribuirà su tutta la CPU
  • Spatola: Stessa tecnica di sopra, però la pasta viene spalmata su tutta la superficie con una spatola

Ricorda che la zona del processore a scaldarsi di più è quella centrale, quindi può essere utile aggiungere uno strato più spesso di pasta in quel punto.

Ora appoggia delicatamente il dissipatore al di sopra del processore e fissalo con i suoi fermi. Ricollega pure la ventola, richiudi il tutto e…. voilà! Fatto.


Le tre migliori paste termiche sul mercato

ARCTIC MX-4

pasta termica migliore

-->Clicca qui per acquistare su 

Se ti capita di leggere consigli sui forum avrai sentito parlare spesso della pasta termica Arctic MX-4.

Si tratta di un’ottima pasta termica conduttiva, che risulta la giusta via di mezzo in un mare di prodotti dove è sempre difficile scegliere.

Ci sono paste di scarsa qualità, altre che costano molto (e difficilmente valgono i soldi spesi, se non sei overclocker accanito) ed altre ancora, come quelle all’argento, che sono conduttive e quindi difficili da usare. LA MX-4 unisce un ottimo prezzo ad altrettanto ottime prestazioni.

Sostituendola con le paste originali si può guadagnare qualche grado, ma ciò che conta di più è il modo in cui viene applicata. E’ importante ricoprire tutto il processore nei portatili (ed almeno la parte centrale nei fissi), ma ancor più importante è mettere il minor quantitativo di pasta possibile, altrimenti potrebbe straboccare!

Prezzo di listino:

-->Clicca qui per acquistare su 


Noctua NT-H1

Come scegliere la pasta termica

-->Clicca qui per acquistare su 

La Noctua NT-H1. Il brand che c’è dietro a questa pasta termica è noto per la sua precisione e affidabilità. E nemmeno con questo semplice blister si smentisce.

La Noctua NT-H1 contiene 1.4g di prodotto che, a detta dell’azienda, dovrebbero bastare per circa quindici utilizzi. Il prodotto, secondo quanto riportato sul packaging, è in grado di coprire un range di temperature da -50°C a 100°C. Nonostante il prezzo un po’ altino (), l’acquisto ne vale la pena.

Considera che, testandola su un i5 6600k con overclock, la punta massima vista dopo l’applicazione della pasta è stata 72 gradi. Il test, per me, l’ha passato e di conseguenza, te la consiglio vivamente.

-->Clicca qui per acquistare su 


Cooler Master IC-Value V1

Migliore pasta termica

-->Clicca qui per acquistare su 

L’ultima pasta termica che ti consiglio è lei: Cooler Master IC-Value V1.

Si tratta di un’ottima pasta termica che aderisce perfettamente e migliora la dispersione del calore.

E’ sufficiente che ne metti un po’ al centro e che chiudi il tutto e la pasta si spalmerà uniformemente sul processore, senza l’utilizzo della spatolina.

Ha un’alta conducibilità termica e una bassa resistenza al calore. Per soli è un vero affare; la puoi trovare facilmente su Amazon.

In linea di massima, si tratta di tre ottime paste termiche per cpu. Tutte e tre le puoi acquistare facilmente su Amazon.

-->Clicca qui per acquistare su 


Come rimuovere la pasta termica

Metti il caso che tu voglia rinnovarne l’applicazione, come fai a rimuovere la pasta termica? E’ un gioco da ragazzi.

Procurati un kit apposito, o in alternativa il solvente unghie di mamma.

Ora, apri il case, e concentrati sull’area del dissipatore e della CPU.

Smonta il dissipatore aprendo la linguetta o effettuando una rotazione dei piolini di sblocco.

Qui, stai attento. Non correre nei passaggi e aspetta. Staccare subito il dissipatore dalla CPU non è la mossa migliore da fare.

Delicatamente ruota il dissipatore in senso orario e antiorario finché non si alza. Quando si alza, sei pronti a ripulire la vecchia pasta termica con un panno imbevuto di soluzione.

Procedi ora all’applicazione della pasta termica, come ti ho indicato prima.

Conclusioni… Che fare ora?

Bene, ora sai tutto quello che devi sapere per scegliere la migliore pasta termica.

Non ti resta che comprare una delle 3 che ti ho consigliato, con ognuna di loro cadrai in piedi!

Per rimanere aggiornato leggi anche le altre guide per raffreddare la tua CPU!

Top